Torni

Torni da una visita d’istruzione (il solito eufemismo per la gita scolastica) per scoprire e ricordarti perché erano anni che non ce li accompagnavi più, torni da una vivace città anche se grigia e torni in classe dove le veneziane sono già abbassate perché la stagione vuole imporre luce sulle loro facce. Avevano un articolo di giornale da consegnarmi, i Latintristi. Un miserando articolo in dodici giorni di ore buche e supplenze di me gitarola. Torni e trovi qualche articolo già nella tua mail di lavoro, atta a ricezione di tali chicche e al risparmio di risorse amazzoniche. Al mattino torni e totale lavori consegnati: 8 su 22. Gli altri? Dai cavalieri della sincerità a quelli che il genitore ti prega di mille possibilità per risolvere il problemino di italiano scritto che si trascina fin dalle elementari (sic). Che se la fanciulla si mettesse anche a fare quel che c’è da fare sarebbe un bel passo avanti. Torni e qualcuno ti dice “ma io pensavo che avrebbe oggi fatto il ripasso per l’analisi del testo che abbiamo lunedì”. Una bella staffilata, ti indicano anche che lil tuo agenda-setting è povero rispetto alle aspettative. Stronzi. (Si può dire?). Eh no, ciccetti, il ripasso per l’analisi del testo l’ho fatto nelle ultime interrogazioni sul Tasso, per le quali vi ho chiesto maggior tasso di interesse (stronza io, si può dire? perché nelle ultime interrogazioni ho costruito un percorso che porta dritto dritto al testo scelto per il prossimo compito). Cadono dalle nuvole che ti direbbero tipo macosacavolostaidicendowilli se solo conoscessero Harlem contro Manhattan. Gli interrogati ammettono è vero, che il ripasso è stato fatto. E così torni a fare il pippolone sorridente con sorriso acidino, lo ammetto. E via con l’Europa, con la loro preparazione, con il loro saper scrivere ma vuoto. E che sono stanca del fatto che mi rimbalzino addosso la poca voglia di lavorare e che io del resto ho poca voglia di scrivere sul registro che il diciottenne Tizio non ha fatto i compiti e che il diciottenne Caio si fa sempre 10 minuti di intervallo in più. Insomma che Sempronio si arrangi  (si fotta- si può dire?). E così torni a scoprire che non sanno nemmeno cosa sia Twitter e che qualsiasi loro mancanza è una “cosa di cui mica c’è bisogno di sapere” (cit.). E tutti, quando fai loro notare un qualcosa, protestano iniziando la frase con “eh ma è perché, eh ma è che io”. Al che torni all’acidità di cui prima e senza diritto di replica gliela canti chiara che è tempo di imparare a dire soltanto “Scusi. Scusi professoressa”. E basta. Così, fattosi quel silenzio ostile che ci vuole, torni a fare lezione come da giovedì primo marzo terza ora e a parlare dell’articolo di giornale, di come scrivere quello che dovrebbero avere da dire. E che dovrei avere 22 cose interessanti da leggere, diverse perchè ciascuno ha qualcosa di importante da dire.

Ed ecco una voce che uccide il silenzio ostile “Scusi prof, le faccio una domanda che forse le sembrerà non inerente ma secondo lei a chi può interessare davvero quello che io, Bromur Inaria, ho da dire?”

Io la risposta l’ho data a Bromur e a tutti gli altri o perlomeno ci ho provato. Ma quel silenzio ostile è diventata una guerra perché nemmeno la grammatica latina dell’ora successiva si è salvata dalla sfiducia, perché se gli correggi un’acca e non gli spieghi non bene ma ottimamente il perché, ti tolgono la pelle di dosso e usano la loro intelligenza per sopraffarti. E’ solo marzo e sono stanca. Mica glielo posso dire così ai latintristi. Ragazzi, a volte odio la vostra adolescenza, le vostre domande giuste, il vostro vivacchiare sbagliato, i miei aggettivi manichei. Mica gliela posso dire così, la frase. Stronzi. (si può dire?)

Me ne sono andata al parcheggio respirando Zefiro che torna -pure lui- e a ritroso ho camminato sui loro cuori, che all’andata stamattina ci aprivano a tutti la strada. E’ ora che io torni, a seguirli, quei cuori.

Annunci

9 pensieri su “Torni

  1. oh, io ti capisco.
    PrimaBambina, settimana scorsa. Spiego (ri-spiego, dovrei dire, visto che è argomento di II media e siamo in I superiore) l’impostazione della lettera personale. Poi dico “allora, per settimana prossima portate almeno una lettera di quelle che vengono pubblicate su giornali e riviste” – così, giusto per non far sempre lezione-soliloquio (soliloquio: magari, col baccano che fanno…).
    Risultato: su 23 alunni solo UNO ha portato (tante, per fortuna) lettere ritagliate qua e là.

    1. Noise. E’ la polemica e la mancanza di curiosità che mi disarma. Appunto. Meno male che mi capisci. Mi sento pessima. 🙂

  2. una “cosa di cui mica c’è bisogno di sapere”: rispondono così anche i giovanotti iper-stilosi e trendy (e anche parecchio ignoranti) colleghi di un amico quando questi, con le palle ormai rotolate a fondovalle, fa loro notare le loro inesattezze ed enormi lacune. (L’azienda, molto nota, recentemente ha lanciato la campagna pubblicitaria ”Be Stupid”. Ecco).

  3. Ragazze! Come fate? Dovete avere una gran vocazione, e per questo vi ammiro. Io con quei tipetti non reggerei 20 minuti. In miniera, li manderei, altro che al liceo classico/scientifico/sperimentale! E non perché, da bravi adolescenti, sono svogliati: non è colpa loro, adolescente lo sono stata anch’io e svogliata lo sono tuttora. E’ che in questa società di farfalle inguinali chi difende e promuove lo studio, l’interesse per ciò che va al di là del jeans delavé e la curiosità passa per sfigato. E questo è insopportabile. Tenete duro! Avete tutta la mia solidarietà. Ciao.

  4. @Miki: la campagna pubblicitaria Be Stupid? mo’ capisco (forse)
    @mondoatig: è che o li segui o li calpesti i cuori. e io non so che fare 😉
    @’povna: o le scuole sono uguali o lo sguardo che si posa è simile. tu che dici?
    @Savina: adolescente e svogliata. allora e tuttora. mo’ rifletto. resisto, resisto, non temere 🙂

Parliamone...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...