Tosto dopo il tiggì

Zapping selvaggio passando da quella cuoca benedetta che vorrebbe insegnarmi la focaccia col formaggio di malga e dice “iniziamo la ricetta per comodità con la focaccia già pronta” eccerto benedetta cuoca grazialcazzo almeno il formaggio di malga lo prepari tu capra? Zapping selvaggio termina su Azzurra TV, e va che bel telegiornale dico, già iniziato, però in ordine mi informano con
– un servizio sui Boeing 787 della compagnia nipponica, pare difettati, chiedono scusa
– un servizio su un attacco di oggi all’Università di Damasco mentre gli studenti erano in fila ad un esame
– un servizio sul dibattito negli Usa per l’uso delle armi dopo le due fresche sparatorie odierne in due diversi college, uno in Missouri, l’altro in Kentucky
– un servizio sul nuovo motore di ricerca di Facebook con tanto di informazioni sulla borsa per tale operazione e intervista al biondino Zuckerberg
– cronaca regionale: il decesso di una procuratrice molto in gamba
Comincio a dirmi che diamine di tiggì è questo, troppo ben fatto, ricco di inviati, per essere di una rete piccina come questa del VerbanoCusioOssola e parte l’ultimo servizio, lo sport e parlano di tennis (Australian Open) e poi la vittoria dell’Ambrì Piotta dopo una sonora “scoppola casalinga” (cit.)
E qui ogni dubbio si disperde che a vivere dalle mie parti impari presto a ridere pronunciando Ambrì Piotta e sapendo di hockey ghiaccio. Il tiggì è quello della RSI, la radiotelevisione svizzera.

Per dieci minuti penso agli studenti siriani, immagini crude di pietre e di sangue.

Zapping selvaggio passa per gli ultimi minuti su cronaca italica, quando a diciott’anni sei orfana, disoccupata ma ti sei dovuta sposare per adottare i tuoi tre fratellini e sui titoli di coda i titoli di un altro tiggì. E i primi servizi
– elicottero caduto nel centro di Londra, torna la paura di un attentato (annessa serie di cadute accidentali di velivoli tutti guarda caso dopo l’undici settembre)
– neve e freddo polare con previsto peggioramento
– il signor B., quel che ha detto il signor B., quello che il signor B. non avrebbe in realtà detto
– tommy, il pastore tedesco che commuove il paese tornando a cercare la padrona deceduta due mesi fa

Per dieci minuti penso agli studenti siriani, immagini crude di pietre e di sangue.

Altri titoli con i rischi del cyberbullismo e i dati allarmanti, la casa che nasconde pericoli per i bambini e l’alimentazione ricca di grassi sotto accusa (grazialcazzo che poi il tuo vicino di casa ti appare in mimetica sul pianerottolo in assetto da guerra) ( che poi la guerra la Francia la fa nel Mali e il ministro Terzi la farà per conto terzi ma era solo una notizia di coda)

Post stupido lo so, banale ma io è da stamane che penso agli studenti siriani, immagini crude di pietre e di sangue.

34 pensieri su “Tosto dopo il tiggì

  1. e invece non è un post stupido, è questione di sensibilità e concretezza della vita. Evidentemente e che alcuni tg e alcune cose nel nostro Paese funzionano solo perché c’è B e l’altro B e M, se poi B se ne va via, passiamo alla dieta del momento piuttosto che alla sigaretta senza filtro… e intanto il mondo scorre… anche nel sangue…

  2. mbè menomale, vuol dire che sei ancora viva, nessuna focaccia boeing, nessuna scoppola di elicottero casalingo è riuscita a distrarti 🙂 si scherza mica tanto

    A

    1. Oppure appena appena toccarlo, il confine come qui. Ascolti la radio svizzera, per esempio e capisci. Eppure…

  3. Studenti siriani a parte (quanti corpi a brandelli abbiamo visto nei telegiornali negli ultimi trent’anni? E paiono non finire mai) l’unico telegiornale in cui non si parla di B. è quello del canale televisivo del mio paese, in cui è più facile si senta raccontare di come si fanno i formaggi di malga. Preferisco i quotidiani: ne leggo cinque o sei, forse mettendo insieme i pezzi qualche brandello di oggettività la ritrovo. La TV la riaccendo un mese dopo le elezioni, tanto è come con Beautiful. Ottomiliardi di puntate e siamo sempre allo stesso punto.

    1. Io ho trovato vuote anche le pagine dei quotidiani ultimamente. Curiosità per il paese, anzi per il formaggio di malga 😉

  4. Questa cosa dei nostri tg o della tv in generale è proprio vera, dei nostri amci vivono a mendrisio lei è di Berna, ed effettivamente la nostra tv si distingue, ma non in modo positivo.

    la benedetta focaccia è una trasmissione più inutile di studio aperto

  5. E’ triste vedere come l’importanza delle notizie vari in base alla latitudine e non alla loro gravità. Con la tv sono messa ai minimi termini; vedo solo rai1, 2 , 3.(nemmeno nella Russia comunista) dovrei mettere una parabola ma non mi va.

    1. Il tiggì di cui parlavo è uno di quelle tre reti lì però, nazionali. Canonizzate nel senso che ci paghiamo il canone per sentir che nevica a gennaio e il cane è il più fedele amico dell’uomo

  6. io da anni ormai ogni tanto guardo il telegiornale della svizzera romanda e le sensazioni sono più o meno le stesse, caspita lì informano 🙂
    santa parabolica
    (e poveri siriani, ragazzi, adulti bimbi e vecchi. )

Parliamone...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...